I CANDIDATI CONSIGLIERI

RINALDONI 1

Dopo 10 anni da Sindaco ho scelto di ricandidarmi nella Lista Civica “Per Poggio” per sostenere Fabio Zacchi che ritengo essere la persona giusta per portare avanti i valori di impegno civico in cui ho sempre creduto e per realizzare tutte quelle opere della ricostruzione post sisma che abbiamo progettato in questi anni e per le quali abbiamo ottenuto tutti i fondi, come la nuova scuola primaria. Fabio è sempre stato al mio fianco, in questi anni si è impegnato al massimo sacrificando anche lavoro e famiglia, un giovane di grandi valori sempre disponibile con tutti. Credo molto anche nella nostra squadra che si è rafforzata con uomini e donne dotati di una grande preparazione e di una forte determinazione. Io mi rimetto a disposizione del paese per continuare a dare una mano, anche nel servizio più umile, soprattutto alle persone più bisognose. E’ molto importante andare a votare domenica 5 giugno e scegliere il Sindaco che nei prossimi anni dovrà ricostruire e rilanciare il nostro paese. Io non ho dubbi, Fabio è la scelta migliore.

*************************************************************************

ARRIVABENI 1

Mi chiamo Daniele Arrivabeni ho 48 anni, sono sposato con Sabrina e insieme abbiamo un figlio Matteo di 18 anni. Lavoro presso un Istituto di credito, da anni sono volontario AVIS e AIDO e socio dell’Associazione Nazionale Paracadutisti d’Italia. Mi ricandido perchè, come capogruppo di maggioranza, negli ultimi 5 anni ho potuto verificare tutti gli sforzi che sono stati compiuti per ottenere i fondi della ricostruzione e ora vorrei partecipare attivamente alla realizzazione di tutte le opere per dare al paese quelle strutture che attende da tempo. Credo fortemente nel gruppo della Lista civica “Per Poggio” e nel suo candidato a sindaco Fabio Zacchi, cittadini che hanno come unico interesse quello di mettersi al servizio della comunità per migliorare il paese dove vivono e dove crescono i loro figli. Non mi piace lasciare le cose a metà e vorrei dare ancora il mio contributo per costruire un nuovo sviluppo per Poggio e per tutti i Poggesi.

*************************************************************************

BASSOLI ELENA

Mi chiamo Elena Bassoli ho 40 anni e sono nata e cresciuta a Poggio Rusco. Sono laureata in giurisprudenza e nella vita mi occupo della gestione amministrativa delle imprese di famiglia: mio marito ha una ditta di termoidraulica civile ed industriale e mio padre è proprietario della discoteca del paese. Sono una persona schietta a cui piace arrivare dritta al punto, alle chiacchiere preferisco i fatti, lavorare e darmi da fare per risolvere i problemi. Il settore amministrativo che mi sta più a cuore e nel quale spero di poter dare il mio contributo è quello delle attività economiche. Spero mi sia data la possibilità di dare voce a quelli che sono i problemi e le criticità con cui le piccole-medie imprese e le attività commerciali del paese si scontrano quotidianamente. Ho deciso di intraprendere questo cammino aderendo alla lista civica “Per Poggio” perché ritengo sia una vera lista civica. Infatti è formata da persone, che come me, mettono in campo faccia e credibilità, offrono al paese il proprio tempo, le proprie competenze e professionalità, accettando di sottoporsi alle inevitabili critiche e pressioni che ne derivano, non per opportunismo, convenienza o interessi, ma solo perché animate da una seria e gratuita voglia di fare qualcosa di buono per il paese. Spero che ci darete la possibilità di lavorare insieme.cazione cane-padrone.

*************************************************************************

BELLUZZI ok

Mi chiamo Paola Belluzzi, ho 43 anni, sono nata a Poggio Rusco e vivo qui da sempre. Sono dipendente bancaria nel ruolo di Responsabile di Filiale. Nonostante i miei molteplici impegni, ho deciso di intraprendere questa avventura a fianco di una squadra compatta e rinnovata perché mi entusiasma collaborare interessandomi attivamente alla vita del paese e dando il mio contributo finalizzato ad una gestione attiva delle diverse problematiche. Sono convinta che mettersi in gioco personalmente sia molto significativo e sia espressione e dimostrazione di una forte volontà di fare. Il mio ambito di interesse è il sociale, settore verso il quale nutro da sempre molta attenzione e una estrema sensibilità. Mi auguro che il mio contributo possa risultare prezioso e costruttivo

*************************************************************************

CALEFFI

Mi chiamo Valentina Caleffi, ho 28 anni, vivo da sempre con la mia famiglia all’inizio di via Segonda e sono una studentessa prossima alla laurea in giurisprudenza.
Vorrei occuparmi delle politiche giovanili in quanto i giovani hanno poca voce, sono solo chiamati a fare gli spettatori e, quando non si ha un ruolo, si tende a diventare indifferenti. Il mio obiettivo sarà quello di far maturare in loro la coscienza critica attraverso iniziative e progetti concreti: riapertura dell’Informagiovani, organizzazione di percorsi formativi in Italia e all’estero, coinvolgimento nell’associazionismo, promozione della cittadinanza attiva, valorizzazione del Consiglio Comunale dei Ragazzi, percorsi di informazione e prevenzione al disagio giovanile.
Ho anche molto a cuore il settore ambientale perché, vivendo in periferia, vedo quanta spazzatura viene gettata nei fossi nel totale menefreghismo di chi considera le zone di campagna come discariche a cielo aperto. Per questo vorrei impegnarmi per dare il via ad una profonda operazione di educazione civica a 360°, per favorire la pratica del “usa e riusa”, migliorare il sistema della raccolta differenziata con l’obiettivo di ottenere costi più bassi e un minor disagio per i poggesi e per attivare un maggior controllo su chi si occupa concretamente del ritiro dei rifiuti e del decoro del paese.

*************************************************************************

13321987_10208411839807254_1850662607240208403_n

Mi chiamo David Canossa, ho 37 anni e vivo da sempre a Poggio. Mi ha sempre entusiasmato fare qualcosa per il mio paese e così più di 10 anni fa mi sono avvicinato al mondo del volontariato e sono diventato socio della Pro Loco. Da qui è cresciuta sempre di più la voglia di impegnarmi e fare qualcosa di concreto per Poggio. In questi ultimi 5 anni, ho ricoperto il ruolo di assessore con deleghe all’ambiente-ecologia, manifestazioni, sport e devo dire che, essendo stata anche la mia prima esperienza amministrativa, non sono stati assolutamente 5 anni semplici. Ho cercato di impegnarmi al massimo, seguendo anche l’esempio di due persone importantissime per me, il Sindaco Rinaldoni e Fabio Zacchi. Perché quindi intraprendere nuovamente un’altra avventura di questo tipo? Innanzitutto, perché amo in modo viscerale il mio paese, quindi vorrei continuare a dare ancora il mio contributo. In secondo luogo, per la nuova squadra che si è formata: oltre ad alcuni miei vecchi colleghi e amici, si sono aggiunte persone splendide, con grande energia, voglia di fare e grinta. Infine perché vorrei terminare la fase della ricostruzione del nostro paese, per cui abbiamo tanto lottato in questi ultimi 4 anni e poter fare tutto quello che avevamo programmato ma che, a causa del terremoto e della mancanza dei fondi, non siamo riusciti a fare. Diverse sono le tematiche che mi stanno a cuore, dall’ambiente, agli eventi, alla riqualificazione dei quartieri, alla diffusione e maggior utilizzo delle tecnologie innovative (ampliamento wi-fi, tecnologia led, potenziamento dei servizi on line al cittadino, rete in fibra ottica nella zona industriale e non solo, ecc.), alla tematica della sicurezza con nuovi sistemi di videosorveglianza e progetti concreti per controllare meglio il nostro paese. In questi 5 anni, abbiamo fatto sicuramente degli errori, abbiamo e ho avuto delle mancanze, ma si è cercato sempre di fare tutto il possibile e questo vuole essere il filo conduttore per il prossimo mandato, mettere lo stesso impegno,operando sempre con umiltà, passione e cuore, con un solo interesse,i Poggesi!

*************************************************************************

13331118_10208412069292991_1391190559646877547_n

Mi chiamo Lisa, ho 39 anni, ho una famiglia con due figli e vivo a Poggio Rusco. Ho deciso di unirmi a questo gruppo per l’amore che ho verso il mio paese. Io sono nata e ho sempre vissuto qui e Poggio per me è un paese bellissimo.Quando ho iniziato a partecipare agli incontri della lista civica “Per Poggio” ho avuto modo di conoscere sotto l’aspetto amministrativo persone di grande valore, con una vera passione e un’attenzione particolare per il paese. Io credo nel lavoro di squadra, in tante occasioni l’ho sperimentato (asili, scuole, ragazzi, recite, spettacoli). Il confrontarsi, l’interagire il consultarsi con tante persone, porta sempre a dei grandi risultati. Negli ultimi anni ho sempre svolto il lavoro di commessa e sono sempre stata attiva nello sport locale, esperienze che mi hanno portato a credere che il rapporto e il dialogo con le persone abbia un valore importantissimo. Tra le tante tematiche seguite dal Comune mi sento di poter dare il mio apporto su manifestazioni, cultura, istruzione e sport. Il collaborare, il mettersi in gioco per qualcosa in cui si crede fa parte di me. Io il mio impegno per Poggio l’ho preso nel momento in cui ho deciso di partecipare ai lavori di questa lista civica e lo porterò avanti con tutte le persone che insieme a me vorranno migliorare sempre di più il nostro paese. La squadra non siamo noi candidati, la squadra siamo tutti noi cittadini, insieme.

*************************************************************************

MIRTO

Sono Mariarosaria Mirto, ho 45 anni e vivo a Poggio Rusco da quasi 24 anni, sono sposata con Massimo e insieme abbiamo una figlia di nome Sara di 18 anni. Ho deciso di ricandidarmi con la Lista civica “Per Poggio” perché l’esperienza di questi cinque anni mi ha fortemente entusiasmato e resa consapevole di quanto sia complesso e delicato amministrare un Comune ma anche quanto sia molte volte gratificante. Potersi rendere attivi e utili per il bene della propria comunità, del proprio paese, mettendosi in prima persona a fare concretamente, credo che sia un’esperienza che ogni cittadino dovrebbe provare. In questi anni, come consigliere comunale ho cercato di supportare l’amministrazione comunale con idee e spirito innovativo, ho in modo sereno e discreto portato la mia esperienza personale e l’esperienza acquisita nel guidare l’Associazione di volontariato “Casa delle Farfalle” che ho fondato 8 anni a Poggio Rusco e che si occupa principalmente di bambini e ragazzi con autismo. In questi anni ho organizzato decine di corsi, seminari e laboratori sui vari handicap e sicuramente mi sento molto vicina alle persone con fragilità e difficoltà che necessitano di avere maggiore ascolto e supporto. La mia idea per i prossimi cinque anni è quella di continuare il lavoro intrapreso per sensibilizzare maggiormente la comunità sulle tematiche di fragilità che vedono coinvolti bambini, adolescenti, donne e anziani andando a creare progetti che diano maggiore attenzione e valorizzazione al mondo del volontariato. Inoltre mi piacerebbe sviluppare una “Università del benessere” che possa toccare tematiche inerenti la salute per la prevenzione di malattie e dipendenze, costituire una “Consulta sull’handicap” che vada a coinvolgere i centri, le associazioni e le cooperative che si occupano di disabilità.

*************************************************************************

PREVEDI

Mi chiamo Angela Prevedi, all’anagrafe Rosaria, ma per tutti sono Angela. Sono nata a Poggio Rusco e, tranne 3 anni vissuti a Felonica, ho sempre abitato qui. Ho 61 anni (tantissimi quando ci penso, ma non ci penso spesso). Sono sposata, ho un meraviglioso figlio di 34 anni. Ho anche un cane, un border collie di nome Lupo. Qualcuno di voi mi avrà visto di certo a spasso con lui la mattina. Sono in pensione da qualche mese, dopo aver lavorato una quarantina di anni in numerose aziende e infine alla GLO qua a Poggio Rusco, da qualche anno diventata SKF, come manager funzionario in campo commerciale. Non mi sono quasi mai interessata ai problemi di Poggio Rusco, praticamente ero casa e lavoro, sempre. Poi nei mesi scorsi Fabio
mi ha invitato a partecipare a qualche riunione e io ho partecipato per cercare di capire e ho capito che chi ha un po’ di tempo DEVE darne una parte al proprio paese oltre che alla propria famiglia, perché anche nel paese c’è un po’ di famiglia. Quindi eccomi qua, ad iniziare questa avventura che, comunque vada a finire, sono contenta di farne parte. I miei desideri per Poggio Rusco?
– Aiutare le attività produttive e commerciali a rinforzarsi e moltiplicarsi, agevolando le start-up.
– Fare interagire le scuole (a partire dall’Istituto Alberghiero) con le aziende, sia produttive che commerciali, perché è poi lì che vanno a finire i nostri studenti.
– Promuovere l’apprendimento delle nuove tecnologie (smart phone, computer, e-mail, internet e social network) a tutte le categorie ed età. Tanti non sanno da che parte cominciare e molti si vergognano anche a chiedere.
– Agevolare la costruzione di piste ciclabili assieme ai paesi limitrofi e che ci colleghino l’un l’altro, possibilmente staccate dalle normali strade con le auto. I benefici in salute per il movimento e per la diminuzione dell’inquinamento sarebbero tantissimi.
– Predisporre spazi attrezzati per i cani ed agevolare corsi per l’educazione cane-padrone.

*************************************************************************

13325517_10208428321299281_8079081381823324340_n

Sono Massimo Roversi, ho 56 anni e sono tecnico agrario presso il Consorzio agrario lombardo veneto. Sono sposato con Paola ed abbiamo un figlio tredicenne di nome Federico. Ho scelto di candidarmi con la Lista civica “Per Poggio” perchè è un gruppo di persone senza alcun interesse che si spende per il bene del paese, perchè ritengo che bisogna smetterla di lamentarsi con le stesse energie con cui si potrebbe fare molto e forse sentirsi meno frustrati e più appagati, perchè è importante sensibilizzare le persone al rispetto per gli altri e per i beni comuni che tutti noi abbiamo contribuito di tasca nostra a realizzare. Per i prossimi 5 anni vorrei contribuire a riqualificare e completare le piste ciclopedonali esistenti e a crearne di nuove, creare nuove opportunità formative per i nostri giovani in Italia e all’estero per imparare lingue e mentalità di altri paesi, potenziare le infrastrutture e diffondere qualsiasi tipo di agevolazioni per le nostre imprese aprendo uno sportello apposito per facilitare le pratiche.

*************************************************************************

VICENZI

Mi chiamo Giulio Vicenzi, ho 60 anni e mi occupo dell’azienda agricola della mia famiglia con allevamento di bovini da latte situata a Stoppiaro. Negli ultimi cinque anni sono stato consigliere comunale e ho potuto vedere da vicino gli sforzi compiuti dall’Amministrazione per ottenere i fondi per la ricostruzione post sisma e ritengo giusto che le opere vengano realizzate da chi si è speso per ottenere il loro finanziamento. Ho deciso di ricandidarmi nella Lista civica “Per Poggio” perchè credo fortemente nei suoi valori e per continuare a portare all’attenzione del Comune i problemi legati all’agricoltura e alle zone di campagna, come la viabilità e i danni provocati dalle nutrie, per sostenere le nostre imprese, valorizzare l’ambiente e renderlo più fruibile

*************************************************************************

13321795_10208419143349838_959507093674814529_n

Mi chiamo Stefano Visentini, ho 27 anni e sono poggese da sempre. Ad oggi gestisco due attività familiari, un bar sulla Statale 12 con mia sorella Monica ed una azienda agricola, sempre a Poggio, lasciatami improvvisamente da mio padre Marco qualche tempo fa. Conosco il gruppo “Per Poggio” fin quasi dalla sua nascita ed ho sempre ammirato i suoi componenti per lo spirito e la passione che li ha sempre contraddistinti e non meno, la forza e l’ impegno con cui hanno sempre affrontato problemi non indifferenti, come il terremoto, senza dimenticare l’ amore per la collettività poggese. Proprio questi motivi mi hanno portato ad avvicinarmi ed unirmi a loro, perché amo il mio paese e mi sono sentito pronto a mettermi in gioco e a dare il meglio per la nostra comunità. Chi mi conosce sa che la voglia di lavorare certo non mi manca, tant’ è vero che già da diversi anni mi dedico volontariamente all’organizzazione di diverse manifestazioni, partendo dal carnevale (ambito che ho particolarmente a cuore ed in cui sono cresciuto), arrivando alla più giovane festa della birra, non meno importante, essendo diventata punto di riferimento fisso negli ultimi anni non solo per i giovani ma per tutte le famiglie del circondario. La chiarezza, la voglia di fare ed il disinteresse personale che sono trasparsi in questi anni da parte di questo gruppo sono gli elementi che più mi hanno definitivamente portato a dire si, sperando nella possibilità di poter lavorare insieme CON e PER il paese che amo, Poggio Rusco.

*************************************************************************